Mai come in questo periodo è importante avere un occhio di riguardo per ridurre le spese mensili di un parrucchiere. Il motivo è semplice: c’è una grande evoluzione dello scenario geopolitico internazionale e l’energia ha un costo troppo alto per accettare sprechi e superficialità di tipo organizzativo. In sintesi, non si possono sprecare risorse energetiche.

In realtà già in passato era necessario fare economia ed evitare sprechi ma ogni giorno che passa si moltiplicano le avvisaglie. E un parrucchiere lavora con una gran quantità di risorse energetiche, in primis energia elettrica e acqua. Ecco, quindi qualche consiglio in più per ridurre le spese mensili di un parrucchiere e di un salone da acconciatura.

Chiedi al commercialista: partita IVA

In un’ottica generale, il primo consiglio per ridurre le spese mensili di un parrucchiere è quello di utilizzare gli strumenti messi a disposizione dallo Stato. Che da un alto impone sì delle tasse ma consente anche di scaricare le spese in modo da tassare solo l’utile, non il fatturato. In sintesi, devi scaricare ciò che consumi per evitare di pagare più tasse.

Devi indicare quando spendi per il tuo lavoro. Quindi assicurati che il commercialista abbia scelto per te il miglior profilo fiscale con relativa partita IVA e ti indichi tutte le procedure per scaricare ogni spesa. In modo da alleggerire la dichiarazione dei redditi.

Da leggere: come trovare nuovi clienti per parrucchiere

Scegli le lampade a basso consumo

Uno studio molto interessante sui consumi in un salone di parrucchiere ha evidenziato un punto decisivo: la maggior parte dei consumi è legato all’illuminazione.

ridurre le spese mensili di un parrucchiere

Ovvero un elemento che spesso viene utilizzato per dare lustro e gusto estetico al salone, nessuno vuole entrare in un centro estetico buio ma la luce aiuta a sentirsi a casa. Ma anche a lavorare meglio. Di certo non devi accogliere i clienti al buio. Il motivo?

L’illuminazione intensa è stata associata all’energia, alla positività e all’onestà. Spesso ha un impatto positivo sulle vendite di un negozio. L’illuminazione intensa innesca un livello di coinvolgimento elevato tra i clienti, accelerando il ritmo con cui i clienti acquistano.

Bright lighting has been associated with energy, positivity and honesty, often having a positive impact on a store’s sales. According to Wikipedia, bright lighting triggers a higher level of engagement among customers, speeding up the pace at which customers purchase products.” 

www.melvinroos.com

Però se usi lampadine a incandescenza rischi di pagare una bolletta salata. Opta solo lampade a basso consumo energetico (modello fluorescenti compatte) che riducono il consumo di corrente elettrica dell’80%. Sai quanto risparmi ogni anno?

Spegni e chiudi ciò che non ti serve

pensa alle luci della vetrina o dell’insegna. Chiaramente di sera è un richiamo utile ma di notte nessuno ha bisogno di quest’illuminazione. Neanche in pieno giorno.

Utilizza un’illuminazione gestita da un timer per fare in modo che le luci di servizio si accendano solo nel momento giusto. Anche l’acqua deve essere usata in questo modo, chiudendo i rubinetti quando non servono e utilizzando un regolatore del getto d’acqua o limitatore della portata da mettere direttamente sul rubinetto che eroga il liquido.

Altro consiglio: usare i regolatori per eventuali radiatori. Sono delle leve che si montano vicino ai rubinetti del calorifero e consentono di regolare eventuale consumo minimo, medio o massimo. Questi piccoli accorgimenti ti aiutano a risparmiare sulla bolletta.

Acquista classe energetica efficiente

Una delle regole per ridurre i consumi di un salone di parrucchiere: acquistare l’attrezzatura puntando solo a elettrodomestici di classe efficiente. Ovvero che corrispondono alle sigle A++ o A+++, vale a dire le soluzioni più interessanti dal punto di vista dei consumi.

Asciugacapelli, lavatrici, condizionatori, frigoriferi e tutto ciò che può essere utilizzato nel tuo lavoro quotidiano deve essere perfettamente in grado di consumare il meno possibile. Non dimenticare che esistono anche bonus per l’acquisto di elettrodomestici e strumenti che uniscono diversi benefici: efficienza energetica, risparmio e rispetto per l’ambiente.

Evita di far saltare gli appuntamenti

Può sembrare un problema secondario ma per ridurre le spese mensili di un parrucchiere bisogna ragionare anche su questo punto. Ovvero, quanto mi costa ogni settimana dover annullare appuntamenti e fare confusione nel calendario delle prenotazioni? Ci sono tanti clienti ma poca organizzazione, si comunica male con i contatti perché mancano:

  • Strumenti operativi.
  • Standard di comunicazione.

Ecco perché potrebbe far comodo utilizzare uno strumento come il gestionale Primo Software che, oltre a gestire, ti consente anche di attivare un planning degli appuntamenti.

In più puoi lavorare su un sistema di messaggi SMS e WhatsApp per ricordare a tutti i tuoi clienti orario e giorno. Mai più un appuntamento perso, condizione perfetta per ridurre le spese mensili di un parrucchiere. Vuoi maggiori informazioni su questo software?

2 Comments

  1. Esonero corrispettivi telematici: cosa sappiamo?

  2. Green pass per estetisti e parrucchieri: quali novità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.